Marchese editore

Jean Cocteau, L'aquila a due teste - 0
Jean Cocteau, L'aquila a due teste
9.90 EUR

Un’eccentrica regina dal viso velato banchetta in camera da letto con il ritratto del marito defunto, un poeta anarchico incaricato di ucciderla piomba in scena ferito e sanguinante: i due non hanno nulla in comune, se non uno sfrenato desiderio di fare della propria vita un’opera d’arte. a cosa li porterà il loro culto per l’eccesso? In questa tragedia araldica, romantica e un po’ esoterica, in cui passione, fato e morte saturano l’aria del castello di Krantz e impongono lo sviluppo del dráma come prerogativa assoluta, Jean Cocteau si lascia ispirare dalle vite di personaggi come Elisabetta d’austria e Luvodico II di Baviera e, sordo ai richiami del teatro engagé cosí forti negli anni Quaranta, inventa una leggenda che profuma di storia e di Ottocento. Fra intrighi di corte, letture di tarocchi, poesie sovversive e capricci monarchici, si resta in attesa di un delitto in sospeso che, continuamente evocato e simbolicamente preannunciato, susciterà nel lettore il senso di terrore aristotelico peculiare del genere tragico.